Iscriviti Cancellati
Sezione: agricoltura 02-12-2014
INFOPAC.Greening, le date per calcolare la diversificazione
da psr
Scarica Allegato
Prime istruzioni operative di Agea: il periodo di riferimento per le quote delle diverse colture è 1 aprile - 9 giugno dell'anno in cui si presenta la domanda - Definito il criterio di coltura principale L'Area Coordinamento di AGEA, con provvedimento n. ACIU.2014.702 del 31 ottobre 2014, ha definito il periodo di riferimento per la diversificazione colturale finalizzato al pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l'ambiente. L'Unione Europea, già nei primi anni 2000 - ma soprattutto nel corso della precedente programmazione 2007/13 - ha introdotto talune misure sulla base del presupposto che l'agricoltura può ridurre il rischio di degrado ambientale e può intervenire sui cambiamenti climatici. Le principali novità contenute nella circolare: - il periodo da considerare per il calcolo delle quote delle diverse colture: 1° aprile - 9 giugno dell'anno di presentazione della domanda - viene considerata come coltura principale quella che occupa la superficie interessata per il periodo più lungo - controllo amministrativo sul 100% delle dichiarazioni, controllo in loco sul 5% Tale presupposto ha ora spinto l'Unione Europea ad introdurre dal 2015, quando entrerà a regime la riforma della Politica agricola comune (Pac) il cosiddetto "greening", ovvero una serie di misure finalizzate ad interventi ambientali e paesaggistici. Semplificando, possiamo parlare di un "pagamento verde". Da un punto di vista strettamente finanziario, il greening rappresenta una quota rilevante nei pagamenti diretti, finanziata con una percentuale pari al 30% del massimale nazionale, che per lo Stato italiano significa, per il solo 2015, 1,17 miliardi di euro. Per aver diritto al pagamento di base, integrato con l'importo previsto per il greening, l'agricoltore deve osservare, su tutti gli ettari ammissibili, le pratiche benefiche per il clima e l'ambiente oppure le pratiche equivalenti. Le prime si suddividono in: • diversificazione delle colture • mantenimento dei prati permanenti • aree di interesse ecologico La diversificazione viene attuata mediante la coltivazione di colture diverse, in uno specifico periodo dell'anno; inoltre, la diversificazione è obbligatoriamente applicata agli agricoltori le cui superfici a seminativo sono: • comprese tra 10 e 30 ettari: su tali seminativi vi devono essere almeno due colture e la coltura principale non deve superare il 75% della superficie a seminativo; • superiori a 30 ettari: in tal caso le colture devono essere almeno tre; la coltura principale non deve occupare più del 75% della superficie e l'insieme delle due colture principali non deve occupare più del 95% della superficie a seminativo. L'elenco puntuale delle casistiche per le quali non esiste obbligo di diversificazione è contenuta nell'art. 44 - par. 3 - del reg. (UE) n. 1307/2013. Le aziende con superfici a seminativo inferiori a 10 ettari non hanno obblighi di diversificazione. Come detto, la diversificazione viene attuata mediante la coltivazione di colture diverse, in uno specifico periodo dell'anno. Proprio per permettere agli agricoltori la corretta pianificazione delle semine, AGEA Coordinamento ha prioritariamente stabilito, con il predetto provvedimento, il periodo da considerare ai fini del calcolo delle quote delle diverse colture che sarà quello compreso tra il 1° aprile ed il 9 giugno dell'anno di presentazione della domanda. Il calcolo delle quote delle diverse colture dovrà essere effettuato considerando le colture seminate o coltivate in tale periodo di riferimento, che rappresenta la parte più significativa del ciclo colturale in quanto comprende sia le colture autunno vernine, sia quelle primaverili estive. Ai fini del calcolo delle quote delle diverse colture, ogni ettaro di superficie a seminativi dell'azienda deve essere conteggiato una sola volta prendendo in esame la coltura principale. Viene inoltre considerata come coltura principale quella che occupa la superficie interessata per il periodo più lungo. In sintesi, qualora sullo stesso terreno si realizzi una successione di due o più colture, AGEA conterà come principale quella occupante il suolo per il maggior numero di giorni all'interno dell'annata agraria di riferimento, corrispondente all'anno di domanda (1 novembre anno N - 31 ottobre anno N+1). http://www.pianetapsr.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1329
Commenta questa notizia
Nome: 
 Nella stessa giornata ...
Infopac.greening, le date per calcolare la diversificazione
 Nella stessa sezione ...
Xylella, definizione delle aree
Xylella. linee guida
Gallipoli (le) oggi convegno sui problemi dell'agricoltura "le grandi fitopatie"
Psr, mipaaf: al lavoro con regioni e commissione ue
Sviluppo rurale: erogati 2,5 miliardi di contributi all’agricoltura nel 2014
Finanziamenti in agricoltura
Infopac.greening, le date per calcolare la diversificazione