Iscriviti Cancellati
Sezione: alimentazione 22-11-2014
Le pregiate carni Chianina e Marchigiana per gli hamburger di McItaly
da AGRA
I due nuovi panini saranno serviti per sei settimane nei quasi 500 ristoranti McDonald’s di tutta Italia Da giovedì 27 novembre e per sei settimane nei quasi 500 ristoranti McDonald’s di tutta Italia si alterneranno i due nuovi panini McItaly Chianina e McItaly Marchigiana, voluti da McDonald’s per contribuire alla conoscenza dei prodotti del territorio e alla qualità della filiera italiana delle carni pregiate, generalmente riservata a una nicchia di consumatori. La quinta edizione di McItaly è stata presentata a Roma alla presenza di Roberto Masi, amministratore delegato di McDonald’s Italia, Stefano Mengoli, presidente del Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale Igp, e dell’attore Diego Abatantuono che, insieme al macellaio Enrico Ricci, della Macelleria Ricci di Trequanda, ha tenuto una e vera e propria lezione di Chianina e Marchigiana. Nel 2013 McItaly, con Gran Chianina e Gran Piemontese, ha venduto oltre 2 milioni di hamburger in poche settimane. I due nuovi panini McItaly Chianina e McItaly Marchigiana sono realizzati con hamburger di carne 100% Chianina e carne 100% Marchigiana da Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale Igp. L’iniziativa è frutto dell’incontro tra McDonald’s e Consorzio di Tutela del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale Igp, che garantisce l’origine delle razze Chianina e Marchigiana.
Commenta questa notizia
Nome: 
 Nella stessa giornata ...
Expo: parte concorso start up giovani per settore agricolo, alimentare e della pesca
 Nella stessa sezione ...
Mipaaf: 27 gennaio incontro con la gdo
Pasta: istituita cabina di regia per promuovere l’intera filiera
Mele, produzione in aumento del 14,3%
Il punto sugli agrumi: le minacce arrivano dai paesi extraeuropei
Olio di oliva, -35%. prezzi in aumento: crolla la produzione. impennata delle quotazioni. scatta l’allarme qualit�.
Etichettatura degli alimenti. cosa dobbiamo sapere?
L'etichettatura degli alimenti: il rischio allergeni